FaitKillers storia di un sogno

Luigi Campestrini

Luigi Campestrini

Oggi esportz.it intervista il team dei FaitKillers, uno dei team che collabora con la Brescia ESports per Call Of Duty.

FaitKillers

“I FaitKillers non sono solo un team; sono una comunità”

Chi sono i FaitKillers?
I FaitKillers sono un gruppo di amici, prima che un team, nato nell’estate del 2020 dall’Unione tra i Killers Gaming (capitanati dal sottoscritto ed esistenti dal lontano 2008) ed i Fait.
I KLR sino a Modern Warfare, dove il crossplay ha permesso di giocatore tra console differenti, sono sempre stati un clan di Xbox mentre i Fantasmi Italiani di PlayStation.

A cosa giocate?
Allo stato attuale il titolo che prediligiamo é Call Of Duty in tutte le salse possibili poiché abbiamo players sia su Modern Warfare che su WarZone ed ovviamente anche su Cold War.
Ci piacerebbe anche esplorare nuovi giochi in futuro, ma per ora tempo al tempo.

Quanti sono i membri del team?
“Contando tutte le persone presenti nella “community” creata siamo circa una quarantina, seppur i giocatori attivi siano la metà: l’idea della grande famiglia però comprende anche chi partecipa alle nostre attività solo per stare in gruppo, perché per noi i FaitKillers sono amici prima che compagni di squadra.”

Leggi anche La eNazionale verso eEuro 2021

Giocate solo o create eventi?
“Fino a Marzo eravamo semplici partecipanti, sino a quando abbiamo deciso di incominciare ad organizzare tornei, non fermandoci al semplice 4Fun ma dando l’opportunità ai team di prendere parte a competizioni ufficiali: infatti prima con la LuccaGames e poi con la Brescia eSports (con la quale collaboriamo tuttora) abbiamo creato due “trofei” con montepremi regolarmente registrati a GEC.”

Dove vorreste arrivare?
“Verso l’infinito e oltre, ma ci accontentiamo di essere conosciuti e sopratutto rispettati per il nostro operato.”

I FaitKillers puntano a diventare un punto di riferimento per la platea dei videogiocatori di call of duty. E’ un team anagraficamente giovane ma con una lunga storia alle spalle. Siamo sicuri che sentiremo parlare di loro molto a lungo nel mondo del gaming competitivo.

Anche oggi vi abbiamo raccontato di una storia che partendo da un sogno è diventata una splendida realtà.

Il panorama degli esports si arricchisce ogni giorno di più e noi saremo qui per raccontarvelo.